Sonnets. VI

A poem by John Milton

Giovane piano, e semplicetto amante
Poi che fuggir me stesso in dubbio sono,
Madonna a voi del mio cuor l'humil dono
Faro divoto; io certo a prove tante
L'hebbi fedele, intrepido, costante,
De pensieri leggiadro, accorto, e buono;
Quando rugge il gran mondo, e scocca il tuono,
S 'arma di se, e d' intero diamante,
Tanto del forse, e d' invidia sicuro,
Di timori, e speranze al popol use
Quanto d'ingegno, e d' alto valor vago,
E di cetra sonora, e delle muse:
Sol troverete in tal parte men duro
Ove amor mise l 'insanabil ago.

Reader Comments

Tell us what you think of 'Sonnets. VI' by John Milton

comments powered by Disqus

Home | Search | About this website | Contact | Privacy Policy