Sonnets. IV.

A poem by John Milton

Diodati, e te'l diro con maraviglia,
Quel ritroso io ch'amor spreggiar solea
E de suoi lacci spesso mi ridea
Gia caddi, ov'huom dabben talhor s'impiglia.
Ne treccie d'oro, ne guancia vermiglia
M' abbaglian si, ma sotto nova idea
Pellegrina bellezza che'l cuor bea,
Portamenti alti honesti, e nelle ciglia
Quel sereno fulgor d' amabil nero,
Parole adorne di lingua piu d'una,
E'l cantar che di mezzo l'hemispero
Traviar ben puo la faticosa Luna,
E degil occhi suoi auventa si gran fuoco
Che l 'incerar gli oreechi mi fia poco.

Reader Comments

Tell us what you think of 'Sonnets. IV.' by John Milton

comments powered by Disqus

Home | Search | About this website | Contact | Privacy Policy